Luoghi forati: una mappa

L’acqua ticchetta, paziente. Goccia dopo goccia, molecola dopo molecola.

Non ha fretta, ha un tempo eterno di fronte a sé: un tempo che può attendere, perché nella sua mutevolezza lei, l’acqua, ha coscienza di poter ritornare, sempre, al proprio luogo di partenza. Come scritto nell’Ecclesiaste, “Tutti i fiumi scorrono verso il mare, eppure il mare non è mai pieno”.

Così è per l’aria, che soffia sferzando la roccia: anche se non dovesse avere successo ora, tornerà. Tornerà e riproverà, frusterà di nuovo la pietra e ancora, forse, non riuscirà ad averla vinta: ma tenterà di nuovo, ancora e ancora.“Il vento va verso sud e piega verso nord. Gira e va e sui suoi giri ritorna il vento”.

E poi, improvvisamente, in un momento accade: il passaggio si apre, aria e aria oppure acqua e acqua si incontrano laddove, prima, era pietra.

Questo è ciò che si verifica laddove la roccia diviene pietra di Odino: in qualunque di questi posti, non è difficile respirare un pizzico di quella magia universale che spesso intuiamo senza riuscire a coglierla.

Su questo sito PietreForate.com cercheremo di tracciare una mappa di questi “luoghi forati”, senza pretese. Chi vuole potrà scrivermi per segnalarmene altri.

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *