• • • • •

Due incontri sulle pietre forate alla Festa delle Fate 2017

Nell’edizione 2017 della Festa delle Fate di Garda ben due momenti saranno dedicati alle pietre forate naturali, alle loro caratteristiche e… alle loro capacità.

Nell’incredibile e suggestiva cornice dell’evento fantasy e del lungolago Regina Adelaide venerdì 23 giugno alle 20,00 parleremo di “Pietre delle Fate e meraviglie delle pietre forate“, mentre domenica 25 giugno alle 14,00 con l’incontro “Tra pietre delle Fate e storie di Ninfe” ripercorreremo il rapporto tra le pietre forate e le streghe Quinti del lago di Garda… con qualche piccola anticipazione sul romanzo nuovo in uscita in autunno.

 

Non perdetevi questi appuntamenti… e per vedere tutto il programma della Festa delle Fate 2017 visitate questa pagina sul sito.

Ci vediamo nella magica Garda!

Le pietre di Odino come protezione personale

Le pietre forate naturali portano fortuna e rappresentano un potente amuleto di protezione personale, possono essere usate infatti contro morte, maledizioni e malefici, streghe, fate, folletti, malattie, incubi e altre paurose creature notturne, energie negative, tuoni e in generale “le cose brutte”.

Esse preservano ugualmente uomini, donne e bambini anche neonati, ma anche il bestiame e gli animali domestici, nonché le barche per le loro uscite in mare. (altro…)

I miracoli delle pietre forate per gravidanze, ringiovanimento, sessualità

Non solo utili e curative per molti mali, ma magiche e miracolose anche per le donne che ambiscono a diventare madri o che vogliono proteggere il feto, per coloro che vogliono ringiovanire e per tutto ciò che rientra nella sfera sessuale: anche queste rientrano fra le numerose proprietà e i grandi poteri delle pietre forate naturali. (altro…)

La verità attraverso un sassolino con un buco al centro: Coraline di Neil Gaiman

coraline engFunziona contro le cose brutte, a volte“. Così Miss Spink, donando alla giovane Coraline un “sassolino bucato”, le spiega che potrebbe esserle utile.

 

Succede in “Coraline” di Neil Gaiman, dove un “sassolino con un buco al centro” diventa un’arma di difesa per una ragazzina che si trova a dover salvare i genitori e tre anime di bambini prigionieri di una sorta di strega di un mondo parallelo, “L’Altra Madre”. (altro…)

Pietre forate naturali per la protezione degli animali

Oltre che alla protezione della persona, la potenza delle pietre di Odino può essere rivolta alla protezione degli animali.

Per questo scopo, le pietre forate naturali dovrebbero essere posizionate preferibilmente dove essi dormono, in particolare per gli animali domestici, o comunque poste sull’ingresso della stalla, delle scuderie o del luogo che in genere ospita gli animali.

Esse vengono usate per custodirli dalla sfortuna e in generale dagli spiriti e dalle creature maligne.

DSC03981Un’altra importante funzione che hanno, sempre nel rapporto con gli animali, riguarda la difesa dagli incantesimi malvagi delle streghe o addirittura dalle maledizioni del diavolo. (altro…)

Le pietre forate associate alla stregoneria italiana

copertina encyclopediaNella sua “Enciclopedia della Wicca e della Stregoneria” (titolo originale: Encyclopedia of Wicca & Witchcraft) Raven Grimassi ha dedicato una voce alle pietre forate per spiegare perché queste pietre abbiano un rapporto con la stregoneria e, curiosamente, ha indicato che fanno parte della tradizione italiana. (altro…)

Un antico proverbio: “Gutta cavat lapidem”, “La goccia perfora la pietra”

Gutta cavat lapidem” è un’antica locuzione latina che viene correntemente tradotta come “La goccia perfora la pietra”, “La goccia scava la roccia”, e simili.

DSC03277Utilizzando questa frase in genere non si vuole dare importanza alla pietra bucata in sé o al suo foro, bensì all’attività che serve per perforarla, ovvero (altro…)

Eppure i sassi sono scavati dall’acqua…

Una citazione importante dedicata alla capacità dell’acqua di scavare la pietra è contenuta in una delle opere di un produttivo autore latino.

Ovid_Ars_Amatoria_1644Publio Ovidio Nasone (43 a.C. – 18 d.C.), noto come Ovidio, nella sua “Ars Amatoria” nel Libro Primo dei tre di cui lo scritto è composto (versi 473-474), utilizza un verso che la richiama, in un passaggio in cui parla della necessità di essere perseveranti per conquistare una donna, senza farsi distrarre dal dolore che si prova e dalla costanza che è richiesta. (altro…)