La pietra forata donata da Minerva: e con Il Sigillo di Sarca la Saga delle Streghe Quinti ha inizio

nella tua mano ancora aperta, davanti alle braccia tese, si materializzò un sasso con un evidente foro al centro.
«Questa è l’eredità che lascerai a tua figlia e alle sue figlie, nei secoli: una pietra magica che servirà loro per difendere, difendersi e riequilibrare le energie naturali ogni qual volta ciò sarà necessario».

Nel prologo “Le lacrime di Quinzia”, dopo essere stata lasciata dal poeta Catullo per l’ennesima volta, la giovane Quinzia da Sirmione va al tempio di Minerva a Manerba per chiedere l’aiuto della Dea per riavere il suo amato. Qui Minerva non solo la renderà “strega” e la aiuterà a concepire la figlia Acilia, ma alla ragazza (figlia di Minicia, a sua volta figlia di Mincio, figlio di Garda, figlia di Benàco, figlio di Nettuno, fratello di Giove e zio di Minerva, come si può vedere nella genealogia degli dèi del Garda) donerà un potente talismano che diventerà l’amuleto delle Streghe Quinti, una pietra forata naturale.

Nel romanzo “Il Sigillo di Sarca”, oltre a scoprire la storia di Brunella e il suo incontro con la propria eredità di strega, si apprende così come la famiglia di streghe gardesane non solo ha avuto origine ma ha ricevuto il proprio simbolo e talismano.

La pietra forata naturale, che nel corso del romanzo apparterrà prima a Virginia (che non la toglie mai neppure per dormire) e poi alla figlia Brunella, entra così in scena dopo la prima apparizione in “Gardesaniana” (ex “Garda Doble”): sarà anche uno degli elementi del rito che dà il titolo al libro, l’incantesimo con cui il dio Sarca sarà confinato nelle sue terre, a nord del lago, oltre a sancire i momenti più concitati della trama e ogni scena del libro in cui le protagoniste ricorrono alla magia.

Con il debutto ufficiale della Saga delle Streghe Quinti, e con la pubblicazione di “Il Sigillo di Sarca”, uno speciale gadget accompagnerà gli eventi di Simona Cremonini: tutti coloro che acquisteranno il libro in stand riceveranno una pietra forata naturale in omaggio.

per altre informazioni su “Il Sigillo di Sarca” si rimanda a questo link sul sito ufficiale.

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *